Dintorni


Ravenna e i suoi monumenti


Una visita di almeno una giornata merita Ravenna, importante città d’arte, storia e cultura a pochi km da Pinarella, nell’antichità è stata capitale per ben tre volte: dell'Impero Romano d'Occidente, del Regno degli Ostrogoti e dell'Impero di Bisanzio in Italia. Numerosi sono i siti ed i monumenti di Ravenna che meritano attenzione. Del periodo bizantino rimangono straordinarie vestigia: il Mausoleo di Galla Placidia, la Chiesa di San Giovanni Battista, il Battistero Neoniano, il Battistero degli Ariani, la Basilica dello Spirito Santo, il Museo Arcivescovile, il Mausoleo di Teodorico, la meravigliosa Basilica di San Vitale, Sant’Apollinare Nuovo e Sant’Apollinare in Classe, con i favolosi mosaici rappresentanti nelle navate gli apostoli, oggi dichiarati patrimonio dell’umanità dall’UNESCO, che rendono Ravenna unica e famosa in tutto il mondo. A Ravenna si trovano anche il sepolcro di Dante Alighieri, a fianco della chiesa di San Francesco, ha sede l’Accademia delle Belle Arti e la Pinacoteca Comunale che ospita impostanti opere d’arte. Importanti anche le testimonianze lasciate dalla Repubblica di Venezia: la Rocca e la centrale Piazza del Popolo. La Domus dei Tappeti di Pietra, inaugurata nel 2002, presenta interessanti pavimentazioni musive appartenute ad un palazzetto bizantino del VI secolo. La sua importanza risiede nel fatto che è il solo esempio, a Ravenna, di edificio a destinazione privata di epoca bizantina.

San Marino la più antica repubblica del mondo


Con il suo territorio collinare e montano del Montefeltro, la Repubblica di San Marino, la più antica Repubblica del mondo, ci riserva suggestivi scorci e vedute mozzafiato. Il territorio sammarinese infatti si compone di nove antichi Castelli, la capitale San Marino, abbarbicata sul Monte Titano, è composta da varie borgate e offre contrade di rara bellezza che trasportano il turista in epoche lontane. Il mercato medioevale, è la splendida cornice dove le botteghe delle Arti e dei Mestieri esaltano al meglio la creatività artistica delle antiche usanze, degli usi e costumi di un tempo. Le "Giornate Medievali" che si svolgono alla fine di luglio, oltre a rievocare il bel tempo antico con eventi spettacolari e scenografici e far rivivere le più antiche tradizioni della storia sammarinese, rappresentano sicuramente uno dei più attesi e prestigiosi appuntamenti nel calendario delle manifestazioni della Repubblica di San Marino. Nel giorno 3 di Settembre, festività dedicata al Santo Fondatore Marino, si celebra il "Palio delle balestre grandi" con la presenza di gruppi di figuranti, musici e sbandieratori che completano lo spettacolo di tiro con la balestra. Anche la gastronomia di un tempo viene rivalutata durante tutta la manifestazione. I ristoranti del centro offrono a quanti desiderino avvicinarsi ai sapori di una volta, prelibati menu ispirati alle ricette dell'epoca.

Brisighella


Brisighella è un ridente paesino della provincia ravennate, situato alle pendici dell’Appennino tosco-emiliano, sulla strada che porta a Firenze. E’ rinomata per i famosi borghi, molto belli e caratteristici, tra cui spicca quello della Via degli asini, una caratteristica strada sopraelevata composta da archi di diverse dimensioni. Anticamente per questa via transitavano gli animali che portavano il materiale dalle vicine cave di gesso. Caratteristica è anche la Rocca di Brisighella del 1228, formata da torri cilindriche, delle quali la più’ alta fu costruita nel 1503 durante il periodo del dominio dei veneziani in Romagna. Molto bella anche la torre dell’Orologio, ricostruita nell’Ottocento da precedenti rovine del XII secolo. Rinomato è anche l’olio di Brisighella che si produce in queste zone collinari, a denominazione di origine protetta. Una manifestazione molto caratteristica che ricorre tra la fine di giugno e i primi giorni di luglio, è “Le Feste Medioevali di Brisighella” che, mettendo in scena grandiosi spettacoli di piazza e di strada, rappresentazioni, performance e cortei, tramuterà la città in un teatro naturale di rievocazione storica, che ha reso questa zona collinare famosa in tutta Europa. Vale sicuramente la pena parteciparvi per immergersi nel fascino della storia.

Faenza


Dopo Ravenna, Faenza è il comune più popoloso della provincia con i suoi 58.000 abitanti. Il territorio confina con quello forlivese, passando lungo la via Emilia, principale arteria stradale dell' Emilia Romagna. E’ sede del Museo Internazionale delle Ceramiche dove sono esposte le più belle ceramiche di famosi maestri faentini. Non a caso Faenza è definita la città delle ceramiche. L’ultima settimana del mese di giugno si corre il Palio del Niballo, una corsa di cavalli che rievoca storicamente i 5 rioni della città, il rione Bianco, Giallo, Rosso, Verde, Nero. Si svolgono inoltre importanti manifestazioni che richiamano artisti, collezionisti, amanti della maiolica che vengono da tutto il mondo.

Bertinoro, il balcone della Romagna


Sulle primissime colline romagnole tra Forlì e Cesena sorge il piccolo borgo di Bertinoro di epoca medievale vero e proprio balcone della Romagna in quanto, dalla sua piazza principale si può godere un ampio panorama di tutta la Romagna fino al mare. Il paese è rimasto un tipico borgo medievale e nel centro storico non è inusuale vedere le strade ciottolate che si arrampicano verso la Rocca. Una curiosità sull'origine del nome, è quella che fu Galla Placidia in persona che, assaggiando il nettare di Albana prodotto dalle vigne locali, pronunciò le parole: "Non di così rozzo calice sei degno, o vino, ma di berti in oro!" Ricordiamo inoltre il Palazzo Comunale che domina la splendida piazza centrale e la Colonna dell' Ospitalità ormai simbolo della cordialità degli abitanti di Bertinoro. Varie aziende agricole e vinicole famose per la ristorazione e la degustazione di vini vi si possono incontrare nei dintorni del borgo, da qui parte inoltre l'interessante percorso enogastronomico: Strada dei Vini e dei Sapori dei colli di Forlì e Cesena.

San Leo


Nel cuore del Montefeltro, sorge la cittadina di San Leo, degna di nota per la sua maestosa fortezza innalzata sopra uno strapiombo che la rendeva inaccessibile. Il forte fu destinato nei secoli ad essere utilizzato prima come strategico baluardo di guerra e poi come prigione pontificia, tristemente celebre per le tetre ed anguste celle di detenzione. Il personaggio più noto fra quelli incarcerati nella fortezza è l’alchimista-mago conte di Cagliostro condannato all’ergastolo come eretico.

Forlì


Capoluogo di Forlì-Cesena, cuore della Romagna, adagiata sulla via Emilia, sorge nella Pianura Padana a pochi chilometri dalle colline tosco-romagnole e a circa 30 km. dalla riviera romagnola. Una città riservata e tranquilla, centro di grande fermento culturale e commerciale, dove l’amore per la propria terra si realizza in un alto livello di qualità della vita. Piazza Saffi è il centro storico del cuore di Forlì, da dove si irradiano diversi corsi che sfociano in importanti vie di comunicazione. Sede di un importante polo universitario, Forlì si distingue per i numerosi Musei tra i quali il museo Civico e Archeologico, Pinacoteca Civica, Museo Ornitologico, Museo del Risorgimento e i Musei San Domenico recentemente ampliati e restaurati e che ospitano, fino al 12 giugno, l'importante mostra di Melozzo da Forlì “l'umana bellezza tra Piero della Francesca e Raffaello. Attraverso questa mostra la città di Forlì intende celebrare il suo artista più famoso, raccogliendo per la prima volta tutte le sue opere. Un gioiello architettonico è la Basilica di San Mercuriale, antica abbazia, che conserva numerose opere d’arte, dove svetta il campanile alto circa 75 metri. Palazzo Gaddi inoltre è uno dei palazzi nobiliari più importanti della città, edificio imponente, nel quale sono ancora leggibili le tracce degli interventi che si sono succeduti nel tempo. Forlì è una città ricca anche di un tessuto imprenditoriale e commerciale di primissimo piano, segno di una vitalità che ha origini lontane.

Santarcangelo di Romagna


A pochi chilometri dall'hotel Amico di Pinarella, in direzione di Rimini, si trova la bella cittadina di Santarcangelo di Romagna, che conserva la tipica struttura di borgo medievale. Ricordiamo la sua bella rocca malatestiana, la passeggiata nel centro storico, uno dei più suggestivi di tutto il riminese, pittoresche viuzze e scalinate conducono a piazzette su cui si affacciano antiche botteghe artigiane ed osterie rinomate in tutta la Romagna.


Hotel Amico

Viale Emilia, 70
48015 Pinarella di Cervia (Ra)
Tel.e Fax 0544.987077
info@hotelamicopinarella.it
P.IVA: 02420740397


© 2016 Quasar Cervia web   | Privacy |